AUTO - Ferrari 512 Modulo

Outsideprint presenta Paolo Martin

uno dei più importanti designer italiani dell'ultima metà del secolo scorso.

"Le cose più belle nella mia vita le ho fatte quando non sapevo cosa stavo facendo"
Paolo Martin

Realizziamo la stampa con definizione fotografica delle più rappresentative bozze originali delle sue opere, autografate dal designer Paolo Martin di suo pugno. Visiona il catalogo.

Ferrari-512-Modulo




Paolo Martin

Una tarda primavera dell'anno 1967 sul mio tavolo da disegno giaceva una miriade di
oggetti tra cui modelli curvilinei, penne, matite, mozziconi e posacenere disposti in rotazione sul foglio di carta contenente le dimensioni del cruscotto della RR Camargue, auto su cui stavo lavorando. quando mi è venuta in mente un'idea latente a livello inconscio per qualche tempo; l'auto dei sogni più pazza del mondo, violenta, unica, inimitabile e concettualmente diversa. Un rapido schizzo sul lato destro nella parte inferiore del foglio che rappresenta un oggetto speculare e modulare facilmente materializzato nell'auto con l'aggiunta di ruote; nasce la Ferrari MODULO (quindi sul telaio 512.)
Pieno di entusiasmo, ho iniziato a dare sostanza alle mie fantasie più represse, sviluppando, inizialmente, schizzi più realistici e fattibili su scala 1/10.
I miei schizzi, un po 'troppo futuristici, non erano molto convincenti e si mescolavano con un grande contrasto tra i disegni della RR in modo da sembrare impossibile vivere insieme sullo stesso tavolo di idee così distanti.
Ho cercato alleati tra i miei superiori e l'allora direttore, Franco Martinengo era entusiasta ma allo stesso tempo perplesso: era diviso tra la normalità che fino a quel momento aveva segnato la quieta vita di Pinin e il desiderio di innovazione. L'OK è stato dato quasi di routine dato che allo show doveva essere inviato qualcosa, ma ancora con una buona riserva e alcune opzioni dal presidente.
Il tempo passò fino a quando nell'estate del 1968 decisi un'azione di forza: ordinai otto metri cubi di polistirolo all'ufficio acquisti, due batterie per auto una resistenza elettrica e, durante la mia prossima vacanza, disegnai rapidamente i profili sulla carta della polvere. principale. La compagnia chiuse e io in pantaloni corti e zoccoli in compagnia del guardiano di tanto in tanto iniziava un lavoro ciclopico. I blocchi di polistirolo resi solidi con colla di pesce e con un arco e la resistenza elettrica collegata alle batterie hanno iniziato la rimozione di un enorme volume di pellet bianchi. Ho inventato una mega raspa realizzata con un foglio di lamiera forata con un punzone di forma quadrata e con questa enorme grattugia ho rimosso il materiale per diversi giorni, un materiale che è stato in parte perso nel laboratorio di ritorno a casa o tenuto clandestino anche nelle mie mutande. Lentamente l'oggetto prese forma, nacque e si materializzò e verso il 15 agosto era praticamente finito. Ero esausto, molto stanco ma molto felice, immaginando la reazione di Sergio Pininfarina e di suo cognato Renzo Carli al suo ritorno dalle vacanze.
Non ho assistito direttamente allo shock emotivo, ma il risultato è stato, per me, un KO con l'oggetto di desideri repressi finito sotto una coperta in un lato della stanza fotografica; Rimasi a riflettere per alcuni mesi, continuando a seguire la costruzione di quell'enorme RR che stava anche bene e senza intoppi tra le linee.
E curioso di sapere che R.R.Camargue era l'unica auto della casa progettata da un italiano.
Avvicinandosi al Salone di Torino del 1969, si decise di presentare il modello che nel frattempo era stato eseguito da Filippo Sapino sul telaio della Ferrari 512 in competizione con il Modulo, che era considerato più classico e meno rischioso anche dal punto di vista costruttivo .
Una mattina ho sentito un po 'di confusione oltre i finestrini e Martinengo è arrivato con un disegno del telaio della Ferrari 512 in mano, implorandomi di apportare le modifiche necessarie per adattare il "Mucchio di Polistirolo" alle nuove dimensioni. Era fatto! Mi sono buttato a capofitto nei dettagli. Ho progettato gli interni, anch'essi modulari, il Motor Show di Ginevra era vicino e il tempo stava per scadere.
Un dettaglio molto importante sono state le due grandi sfere posizionate sul lato passeggero con un aeratore e una funzione di supporto interruttore. Grande problema, costruisci le palle! Come fare?

Al primo e secondo tentativo l'apparizione fu un po 'ovoidale e la costernazione regnò
. All'improvviso mi venne in mente un'altra idea, frutto dell'esperienza di Michelotti come proprietà ufficiale: mi misi in moto verso Boowling, dove ho corrotto un guardiano per darmi una palla e non immagino cosa non ho fatto per portarlo al suo destinazione, in moto.
Abbiamo creato il cast dell'oggetto e il problema è stato risolto.
Questa vettura è stata la meno sperimentata dalla direzione dell'azienda nel periodo 67-70 perché considerata troppo provocatoria e il terrore di cui la stampa parlava (malamente) era latente.

Ing. Renzo Carli imperversò nel sostituire il lunotto, che originariamente consisteva in una serie di fori da 16 cm. di diametro derivato dal pannello di lamiera nera, con un vetro tradizionale: questo è accaduto di notte e ho riposizionato ostinatamente quello originale di giorno.

L'entusiasmo, con i suoi alti e bassi, è continuato fino all'alba della partenza. Gli ultimi ritocchi alla vernice furono completati sul camion (nero metallizzato; originariamente era azzurro perlato ma per decisioni mal digerite fu presentato in quel colore funerario non adatto per migliorare la grafica proposta) e l'auto arrivò intatta al motore di Ginevra Show1970. Dopo la prima mostra, l'oggetto è stato digerito così tanto che nelle mostre successive è stata l'attrazione principale, andando in giro per il mondo diverse volte. Il ritorno dell'immagine è stato enorme, ma la cosa più importante per me era un telegramma. che conservo ancora, di Sergio Pininfarina che si è complimentato ed ha espresso le sue scuse.

Marco Vescovi, CEO della OutsidePrint, e l'amico Paolo Martin, grande maestro dell'automotive design italiano, sono un esempio di cosa può nascere da questo scambio: dalla loro amicizia nasce una collaborazione che vede disponibile online una collezione di Bozze d’Autore autografate di pugno dal designer.


Marco Vescovi e Paolo Martin
Paolo Martin designer e Marco Vescovi CEO OutsidePrint

Paolo Martin Autografa le sue opere
Paolo Martin autografa le sue opere

Per ulteriori informazioni o personalizzazioni non esitare a contattare il nostro Staff.
Numeri Verdi: 011.749.10.33 oppure 800.91.18.98 - mail: stampa@outsideprint.com


Footer logo OutsidePrint.com il re della stampa digitale

Metodi di pagamento

Per i pagamenti accettiamo bonifici, le principali carte di credito e PayPal

Footer OutsidePrint stampa digitale online Pagamenti con PayPal   Footer OutsidePrint stampa digitale online Pagamenti con Visa   Footer OutsidePrint stampa digitale online Pagamenti con Mastercard
Footer OutsidePrint stampa digitale online Pagamenti con bonifico bancario   Footer OutsidePrint stampa digitale online Pagamenti con contrassegno

Spedizioni

Spedizione in tutta Italia con i corrieri BRT, SDA e PosteItaliane.

Footer Consegne con BRT dei nostri prodotti di stampa digitale   Footer Consegne con SDA dei nostri prodotti di stampa digitale

Footer Consegne con PosteItaliane dei nostri prodotti di stampa digitale

SEGUICI

Seguici e condividi con noi sui nostri canali social

             

Tieniti informato: leggi il nostro

Footer Blog e informazioni dal mondo della stampa digitale

Blog dedicato a novità interessanti sul mondo della stampa digitale

Blog - OutsidePrint.info

OutsidePrint è un e-commerce di Marco Vescovi s.r.l. - P.IVA 09170540968
Sede legale e operativa: Strada Cebrosa, 42 - 10036 - Settimo T.se (Torino) COPYRIGHT © OUTSIDEPRINT